Giro Ecomuseo delle Carbonaie

Escursionismo e Ciaspole

AVVICINAMENTO CON AUTO: Dal centro di Pinerolo proseguire verso la Val Chisone direzione Sestriere ma, dopo lo stabilimento della ditta “GALUP” (famosa per i suoi panettoni), svoltare a destra seguendo le indicazioni San Pietro Val Lemina e poi Talucco a 760 metri dove si parcheggia l’auto (frazione un tempo famosa per i suoi “Tumin”).

Dislivello: 350 metri circa

Sviluppo: km 7,5 circa andata e ritorno

Difficoltà: E

Tempo: 3,30 ore circa

Cartografia: Fraternali-n°06-Pinerolese Val Sangone 1:25.000.

Descrizione itinerario: Dalla Fraz. Talucco (Trattoria Centrale 0121 543105 aperta dal venerdì sera alla domenica dove c’è l’ultima fontana per rifornimento di acqua. Attenzione d’inverno la fontana viene chiusa), proseguire per pochi metri verso il Crò ed imboccare (vedi segnaletica sulla sinistra) la prima stretta via asfaltata a destra (nord) passando per le Case Borgogna, da lì finisce l’asfalto e ha inizio il vero e proprio “Sentiero Ecomuseo le Carbonaie” (sent. 049) e seguendo sempre i segnavia del sentiero caratterizzato da varie piazzole con tabelloni che spiegano cos’erano le carbonaie e dove vengono esemplificati, dal vero, i vari stadi della loro preparazione per la produzione del carbone, un tempo preziosa risorsa locale. Passando per il Bosco dell’Impero si esce al Colle Eremita. Da questo punto (vedi segnaletica) si sale a destra (nord) seguendo sempre fedelmente le indicazioni del percorso delle Carbonaie fino al Colle Ciardonet a metri 1081 ore 1,20 circa da Talucco. Ora si scende a destra seguendo la sterrata verso nord (sent. 060), sterrata che porta al rifugio del CAI Pinerolo “G. Melano-Casa Canada” in circa 25 minuti dove si arriva, sia che si prosegua sulla pista, che, a metà strada, si scelga il facile sentiero sulla destra (est). Dopo aver riposato ed esserci rifocillati ed ammirato il bellissimo panorama di cui si gode sulla vallata dal Rifugio, per il ritorno si segue il percorso dell’andata. Molto consigliata è anche la variante per il ritorno ad anello seguendo il “sentiero del vallone”. Si torna indietro sul sentiero 060 per 150 metri circa e poi si imbocca un sentiero sulla sinistra (sud) (060A) , imboccatolo e non perdendo mai di vista i segni bianco/rossi ci porta con una prima parte più ripida ad attraversare il bellissimo e selvaggio vallone del Noce passando sotto le Falesie di arrampicata del Bosco dell’Impero sulla Rocca Laubert, con vie di arrampicata molto frequentate, giungendo così ad incontrare nuovamente il percorso dell’andata nei pressi di una bellissima casetta prima del Colle dell’Eremita. Ora proseguiamo a ritroso sul percorso delle Carbonaie seguendo le indicazioni e rientrando al Talucco dopo aver compiuto uno spettacolare anello.

Note: Percorso che si può effettuare anche in periodo invernale con neve indossando naturalmente le ciaspole. Per la variante, se fatta con molta neve, prestare attenzione perché i pendii del bosco sono in alcuni punti alquanto ripidi.

Download file: Giro Ecomuseo le Carbonaie.gpx

 


Meteo Cantalupa

I commenti sono chiusi.